Posizione corrente:

Lions Toscana 108La > Eventi > Conclusa l’esperienza dei Campi Disabili e Solidarietà

Conclusa l’esperienza dei Campi Disabili e Solidarietà


Tre anni speciali del Lions Club Pistoia

Con l’annata 2016-2017 si è conclusa l’esperienza triennale del lions club Pistoia nella conduzione del X° Capo disabili e il IX° Campo Solidarietà Giancarlo Poggi.

Un’esperienza faticosa ma esaltante, come hanno sottolineato con orgoglio i due responsabili: i soci Claudio Geri e Mariella Talini.

In Italia sono solo tre i Distretti che hanno dato vita a questa iniziativa, il Distretto toscano è uno di questi.

Nel primo Campo vengono ospitati 10-12 fra ragazzi e ragazze disabili dai 18 ai 25 anni provenienti da vari Paesi del mondo dove esistono i lions. I candidati sono segnalati dai Club internazionali e vengono ospitati, in alcuni casi insieme a familiari ed accompagnatori, in strutture adeguate con lo scopo di offrire loro un’occasione unica di divertimento, socializzazione e conoscere un Paese e una Regione nuovi.

Accanto al Campo Disabili, esiste il Campo Solidarietà intitolato alla memoria di un socio benemerito. Questo Campo ospita giovani normodotati in stato di bisogno che, tra l’altro, servono da supporto al Campo Disabili. I due Campi sono gestiti da soci del club con l’aiuto insostituibile dei giovani de alcuni Leo Club del distretto.

L’attività dei campi si svolge fra la prima e la seconda settima di luglio. Quest’anno, terzo ed ultimo per il club Pistoia, si è svolto dal 7 al 17.

Per il primo anno ci si è avvalsi della Dynamo Camp nel cuore della montagna pistoiese.

Per il secondo e il terzo il club si è avvalso della M.A.I.C. (Maria Assunta in Cielo, ex Aias) di Pistoia presso la struttura estiva di Marina di Massa. Questa scelta ha consentito ai ragazzi ospiti ed alle loro famiglie di vivere al meglio l’esperienza del mare anche grazie alle strutture esistenti.

Qui i ragazzi, con coraggio ed entusiasmo, hanno affrontato anche prove di immersione grazie all’esperienza del Generale dei Parà Maurizio Zanchi che ha messo a disposizione la sua professionalità di Istruttore subacqueo per portatori di handicap come volontario al fianco della moglie Mariella Talini.

La vita al campo è sempre molto attiva poiché al divertimento si affiancano momenti ispirati alla cultura e all’arte. Infatti, i ragazzi vengono accompagnati a visitare alcune località della Toscana come Lucca, Pisa e Firenze o il Parco di Pinocchio a Collodi, luoghi dove tradizionalmente godono dell’accoglienza di uno o più Club lions appartenenti alla zona visitata.

L’impegno richiesto per l’organizzazione dei due Campi è ampiamente ricompensato dalla soddisfazione di vedere i ragazzi partecipanti gioire riconoscenti per quanto viene loro offerto nei dieci giorni di permanenza in Toscana.

In molti chiedono di tornare, ma la regola della rotazione non lo consente se non in casi del tutto eccezionali.

Fra disabili e accompagnatori quest’anno gli ospiti sono arrivati: dall’ Italia Picciallo Matteo, Santeramo Maria, Marchetti Rosaria, Paoloantonio Giuseppe, La Torre Patrizia, Giacchero Benedetta e Faccio Anna Maria; dall’Olanda: Nicole Roelofsen, Kim Kooijinga, Leah Gillichis e Romi Goorman; dalla Moldavia Fedorcea Olga, Fedorcea Irina, Setacov Auriel,Setacov Iure, Prima Maria e Verlan Tatiana; dalla Tunisa Aziza Challougui e Lilia Othman Challougui; dalla Georgia: Duadze Lia, Gabaidze Luisa, Matiashvili Salome e Chitadze Lela.

Un ringraziamento particolare deve essere rivolto ai Leo Iacopo Micheli, Lorenzo Arinci, Claudia Calamai, Marco Conti,   Daniele Bondi, Irene Zampini per la loro infaticabile e preziosa disponibilità.

Come si capisce da quanto descritto, solidarietà ed impegno sono i grandi temi del Campo Disabili e del Campo Solidarietà che diventano per i soci Lions e per i ragazzi partecipanti una grande famiglia dalla quale ciascuno trae un profondo arricchimento. Vita di gruppo che insegna la condivisione e la strada per il superamento delle difficoltà e delle diversità nel pieno spirito del servizio lionistico.

Marcello Paris