Posizione corrente:

Lions Toscana 108La > Magazine > Lionismo > Centro Studi del Lionismo

Centro Studi del Lionismo


Centro Studi del lionismo

Il Centro Studi è una struttura permanente di informazione e divulgazione del Lionismo ed ha lo scopo di sviluppare una coscienza associativa in modo da consentire ai Soci di trovare un giusto ruolo nella Società complessa odierna. E’ un laboratorio di pensiero, un incubatore di idee, aggiornate e correlate al momento storico, poiché le difficoltà attuali impongono uno studio, un’analisi attenta dei cambiamenti della Società.

In questa ottica il Comitato intende partire da alcune considerazioni sul tema dei valori, che sono legati ai concetti di visione del mondo lionistico che ne stanno alla base ed alle realtà del momento storico.

Il sistema dei valori è qualcosa di mutevole: sono il frutto di una costruzione che risente delle condizioni storiche, sociali, culturali, politiche, economiche ed ideologiche dell’epoca storica in cui sono maturati ed hanno lo scopo di tracciare i sentieri per l’agire, di aiutare il processo di continua trasformazione della realtà; sono il sistema di riferimento, le linee di orientamento concreto per l’agire, e rappresentano il presupposto del “pensiero lionistico” che apre i soci ad un contesto in continua evoluzione.

Ma i valori devono essere trasmessi attraverso la formazione e l’informazione, poiché  rendono possibile la vita dell’uomo nella società e la vita stessa della comunità e della società.

La parola “valore” deriva dal latino “valor”, termine connesso con il verbo “valere”, ossia “essere forte”, “essere sano”, “star bene”, “essere capace di fare”, “essere rilevante”, che vuol dire anche “avere potere ed autorità per imporsi e farsi seguire”.

Esso ha lo stesso significato della parola greca “axion”, da cui deriva la parola axiologia, ossia la scienza che studia e teorizza i valori.

I valori permettono quindi all’uomo di interpretare il mondo, di attribuirgli un significato ed un senso alla luce dell’esistenza umana, cosicché vanno collocati nella relazione qualitativa tra le cose e l’uomo che tende alla realizzazione della sua esistenza storica, sociale e psichica. Essi sono presenti in tutti gli aspetti del comportamento umano. Si può affermare quindi che non si ha azione senza valori: sono giuda e determinazione di atteggiamenti sociali ed ideologici da una parte e del comportamento sociale dall’altra. Il processo di acquisizione dei valori avviene sempre attraverso i processi di socializzazione e di comunicazione.

Alcuni dei principali valori sono, ad esempio, il dialogo, la tolleranza, la solidarietà, la creatività, la capacità critica, la lealtà, l’etica, l’amicizia, il rispetto, ed infine, primo fra tutti, la libertà, che rappresenta l’asse su cui poggiano e si costruiscono.

Va detto che il valore di per sé non è osservabile perché è un ideale astratto, ma osservabili sono i comportamenti e le azioni dell’uomo.

Per questo occorre un’educazione ai valori.

Ed i lions hanno il compito di agire sui comportamenti, prevenendo ed intervenendo innanzi tutto sugli atteggiamenti ed i comportamenti dei soci.

Un concetto strettamente correlato ai valori poi è rappresentato dalle norme.

Senza i valori le norme non potrebbero essere trasmesse e non si potrebbero cambiare i comportamenti.

I valori sono i criteri che stabiliscono i comportamenti ideali sui quali sono basate le norme.

Le norme, quindi, sono diverse dai valori, sono concentrate sui comportamenti ed hanno come caratteristica saliente il fatto che  sono regole o modelli che prescrivono i comportamenti, sono elementi che non sempre vengono formulati esplicitamente, si apprendono e si integrano nel vissuto personale attraverso la riflessione, arrivano a strutturarsi in forme concrete di comportamento attraverso i contenuti del valore, ma soprattutto sono un supporto esterno/interno ai valori che influisce sulle persone e le aiuta ad acquisirli.

E’ nostro compito, dunque, affermare i valori creando delle norme adeguate, che rendano più efficiente e concreto il nostro agire.

Queste sono le basi su cui quest’anno vogliamo lavorare soprattutto perché il lionismo è la negazione dell’immobilismo, che si deve porre in una prospettiva di perenne rinnovamento, nel più rigoroso rispetto dei valori che costituiscono il patrimonio ideale, immanente alla sua natura ed alle sue specifiche funzioni.

Stefania Andreani.