Posizione corrente:

Lions Toscana 108La > Magazine > I nostri Club > “Grande successo del nuovo spettacolo teatrale del “Teatro di Burbek”

“Grande successo del nuovo spettacolo teatrale del “Teatro di Burbek”


La compagnia composta dai soci del Lions Club Firenze Bargello, Manfredi Burgio ed Alessandro Becattini, per l’occasione si è arricchita della partecipazione di un esterno, Francesco Pappalardo, attore navigato e di  5 Socie e Soci del Club: Luca Barbieri, Chiara Ferri, Stefania Fuscagni, Antonella Morini e Carla Panicucci, debuttanti o semidebuttanti.

La piece “Le luci di Green river” racconta una storia vera di violenza e discriminazione sessuale accaduta in America. Ha coinvolto il pubblico fino a commuoverlo sui grandi temi che affronta, la violenza fra giovani e la “diversità”.

Il teatro “Le Laudi”, colmo di circa 200 persone, venerdì 21 aprile, ha applaudito a lungo gli attori che, in una scena costruita con pochi oggetti significativi, hanno, attraverso la forma dell’intervista, ricostruito la storia di un giovane ragazzo adescato da due bulli e poi picchiato a morte. La larga partecipazione ha portato ad una proficua raccolta fondi che sono stati interamente devoluti al Banco Alimentare e all’Unitalsi.

Ormai per la terza volta, il Teatro di Burbek ha portato lustro al Lions Club Firenze Bargello continuando in una tradizione culturale e teatrale portata avanti ormai da tempo, dai due fondatori della compagnia Manfredi Burgio ed Alessandro Becattini, che hanno curato anche la regia, avvalendosi di Leonardo Becattini per le luci e le azzeccatissime musiche.

Il Presidente del Club, Stefania Fuscagni, ha, non solo presentato mirabilmente la serata introducendo anche il rappresentante del Banco Alimentare che ha voluto ringraziare il Club, ma ha anche recitato nello spettacolo.

Il Club desidera ringraziare particolarmente il Teatro delle Laudi e la parrocchia di San Francesco e la “Fenice ponteggi edilizia di Marco Palomba e c.” per l’allestimento scenico, augurandosi che tali iniziative possano essere seguite sempre con maggiore interesse.”

 

Roberta Cialdi