Posizione corrente:

Lions Toscana 108La > News e Attività > Club > DISTRETTO LIONS 108La – Restauro della “Madonna del Latte”

DISTRETTO LIONS 108La – Restauro della “Madonna del Latte”


La sera del 7 giugno 2019, presso la Certosa di Firenze, è stata presentata la “Madonna del Latte” restaurata con il contributo del Distretto 108La.

Alla presenza del Governatore del Distretto Daniele Greco è stata esposta l’opera fatta per riportare al suo splendore originario l’icona.

“Il bassorilievo in terracotta policroma rappresentante la Madonna del latte (cm 66×49), inserito entro un’edicola al centro di un affresco oggi assai consumato, si trova alla sommità della scala che porta al piano superiore del chiostro dei conversi. Nel rilievo la Madonna sorregge con entrambe le mani il Bambino – quasi in un gesto di offerta del Figlio – e questi si aggrappa al suo seno succhiando il latte con avidità. Entrambi, accompagnati in alto da due cherubini con le ali di color rosso vivo, sono inseriti in un’anconetta con cornice centinata caratterizzata da un motivo a foglie, in origine dorate su fondo blu, e delimitata da due esili pilastri percorsi da tralci vegetali sormontati da un capitello a foglie d’acqua. La Madre indossa un mantello blu dai risvolti verde acqua sopra una tunica rossa legata all’altezza della vita da una cintura verde, mentre il volto, leggermente reclinato è incorniciato da un leggero velo celeste. Madre e Figlio recano spesse aureole dorate, crociata quella di Gesù che, con il corpicino nudo ad esclusione di un panno rosa che gli copre il pube, presenta una fitta chioma caratterizzata da ciocche fini e strizzate che si ripetono anche nelle capigliature dei due cherubini e in quello che si intravede dei capelli della Vergine. Il gruppo fittile è delimitato in basso da una vistosa mensola in pietra serena che presenta un ornato vegetale con fiori e foglie lanceolate dal disegno simmetrico e un piano d’appoggio modanato decorato da una fila di perline.” (dal documento “Una Madonna del Latte in terracotta dipinta alla Certosa del Galluzzo“).

“In accordo con la direttrice dei lavori (dott.ssa Maria Maugeri) l’intervento di restauro è stato mirato principalmente al recupero della cromia originale superstite e all’integrazione pittorica a selezione o a velatura per ricucire le mancanze più estese in modo da avere una lettura più corretta dell’opera.” (dalla Relazione Tecnica di restauro)

Ecco i documenti consultabili:

Scheda di restauro del bassorilievo

Una Madonna del Latte in terracotta dipinta alla Certosa del Galluzzo