Posizione corrente:

Lions Toscana 108La > News e Attività > Club > I Lions illuminano la Cattedrale di Arezzo

I Lions illuminano la Cattedrale di Arezzo


Proiettori a led renderanno visibili il Duomo e il campanile anche di notte

Funzionamento con consumi ridotti per minimizzare tempi e costi di manutenzione

Sabato 27 febbraio (ore 18) l’inaugurazione con l’accensione dell’impianto

 

In questi giorni verranno portati a termine i lavori per il montaggio e l’installazione del nuovo impianto di illuminazione del Duomo di Arezzo. Saranno utilizzati proiettori a led realizzati ad hoc per fornire tonalità di colore omogenee con quelle della Cattedrale e materiali di altissima qualità in grado di donare al monumento una luce uniforme e sobria. Questo consentirà alla pietra di uscire dall’oscurità con i suoi colori naturali, esaltando la facciata, il campanile, le lunghe monofore e i rosoni.

L’impianto, progettato e realizzato su iniziativa del Lions Club Arezzo Host con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, del Comune di Arezzo e dell’azienda aretina Aec Illuminazione, verrà inaugurato sabato 27 febbraio alle ore 18.

I progettisti, l’ingegner Jacopo Magi e l’architetto Nelli Zabotina (SB+) assieme all’architetto Alessio Borgheresi, hanno scelto una temperatura di colore della luce pari a 3000K° (gradi  Kelvin), in modo da esaltare le grandi superfici in pietra arenaria, rendendone una colorazione il più fedele possibile all’originale, senza alterare i toni di giallo. I proiettori sono stati sistemati in posizioni strategiche sulle facciate dei palazzi del Vescovado e della Provincia, sulle coperture della Cattedrale e su alcuni pali dell’illuminazione del Prato, ad altezze che variano dai 4,5 ai 30 metri.

I corpi illuminanti hanno potenze e ottiche dedicate a coprire distanze importanti (fino a oltre 20 metri) e assicurano un funzionamento con consumi ridotti, minimizzando tempi e costi di manutenzione.

Il Duomo di Arezzo e il suo campanile (alto 70 metri), per la prima volta nella storia saranno così visibili anche di notte. L’impianto consentirà di esaltarne il grande valore simbolico che da sempre gli viene riconosciuto ma che finora era tangibile soltanto di giorno.

L’auspicio è che questa nuova luce possa essere simbolo di rinascita, una volta finita la pandemia, per una Cattedrale brulicante di cittadini, devoti, turisti e visitatori.