Posizione corrente:

Lions Toscana 108La > Magazine > Progetto Martina sviluppato dal Lions Club Cecina

Progetto Martina sviluppato dal Lions Club Cecina


Il Lions coinvolge gli studenti per la prevenzione dei tumori

 

Anche quest’anno il Lions Club Cecina ha proposto alle scuole del proprio territorio uno dei principali Service Nazionali dell’Associazione, ovvero il “Progetto Martina”.

Con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione e del Ministero della Salute i Lions, che tra i propri obiettivi hanno quello di “prendere interesse attivo al benessere civico, culturale, sociale e morale della comunità”, hanno deciso da alcuni anni, grazie alla loro presenza in tutte le città italiane, di permettere a medici specializzati di incontrare gli studenti delle scuole superiori di 2° grado e parlare loro di un argomento difficile ma di estrema attualità, ovvero i tumori.

Il “Progetto Martina” viene ripetuto nelle scuole della nostra zona dal 2012 in linea con lo spirito di Martina, la ragazza vittima di un tumore che dà il nome all’iniziativa e che ha voluto lasciare questa eredità spirituale: “informare i giovani per educarli alla cura della loro salute e suggerire le migliori strategie di difesa”. Eredità raccolta dai Lions, che l’hanno trasformata in un progetto, nel rispetto del Codice europeo contro il cancro, fino ad arrivare ad esportarlo anche all’estero (progettomartina.it)

Nel corso degli incontri, il Dott. Riccardo Lenzi, socio del Lions Club Cecina, ha dato informazioni sui tumori che possono presentarsi o che incominciano il loro percorso in età giovanile, in modo da permettere ai ragazzi di mettere in atto semplici ma efficaci azioni di prevenzione.

Con la collaborazione della Dirigente Scolastica Prof.ssa Maria Grazia Rocchi e della Prof.ssa Elena Bellagotti, il Dott. Lenzi ha tenuto, nei mesi di febbraio e marzo, due incontri con le quarte classi del Liceo E. Fermi di Cecina coinvolgendo 155 studenti che hanno deciso di ascoltare gli esperti su un tema così duro da affrontare.

A Rosignano, grazie alla collaborazione con la Dirigente Scolastica Prof.ssa Daniela Tramontani e della Prof.ssa Antonella Caputo l’incontro si è tenuto nel mese di febbraio e ha coinvolto 86 studenti dell’Istituto Alberghiero.

Negli incontri il Dott. Lenzi, per la parte riguardante i tumori della mammella, è stato affiancato dalla Dott.ssa Barbara Ginanni, radiologa particolarmente esperta nella diagnostica senologica.

Con il presupposto che il linguaggio giusto sconfigge ogni paura, i medici, in maniera chiara e comprensibile, hanno illustrato alcuni dei tumori più comuni nei giovani descrivendone la possibile origine e l’evoluzione, per poi soffermarsi sui comportamenti, gli stili di vita ed eventuali tecniche autodiagnostiche che possono evitarne l’insorgenza o permetterne una diagnosi precoce.

Al termine degli incontri è stato chiesto ai ragazzi di esprimere un giudizio con un test ripetendo le esperienze precedenti dove gli studenti hanno dichiarato di non essere spaventati e di aver ritenuto molto utili le informazioni, tanto da consigliare gli incontri ai loro coetanei.